Giacimento archeologico subacqueo di Cala Reale (Asinara)

Nella stagione estiva è possibile visitare il sito archeologico sommerso.

STAGIONE 2018

Il Giacimento archeologico di Cala Reale, all'Asinara, è formato dal carico di una nave romana proveniente dall’odierno Portogallo, naufragata all’ingresso di Cala Reale in età tardo imperiale. Il sito archeologico subacqueo, da più di dieci anni, è oggetto di attenzioni da parte della Soprintendenza ai Beni Archeologici di Sassari e Nuoro e nel 2009 è stato sottoposto a uno scavo integrale per facilitare lo studio, la valorizzazione e la fruizione. Il giacimento è ricco di anfore che contenevano salsa di pesce, il garum dei romani, e pesce sotto sale.

L’Operazione Reale ha consentito anche lo spostamento di quarantamila oggetti in un’area distante circa 300 metri dal molo di Cala Reale per preservare i reperti della nave proveniente dal sud della Spagna affondata più di 1500 anni fa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA


Servizio di accompagnamento turistico con imbarcazione Aquavision e Snorkeling (su prenotazione)

Cala d'Oliva Diving Center
(+39) 079 409469
(+39) 342 7175153
info@caladolivadiving.com
caladolivadiving@tiscali.it


Prescrizioni per la visita

I visitatori potranno essere condotti sul sito esclusivamente con i mezzi nautici messi a disposizione dal Diving Cala d'Oliva, in quanto soggetto autorizzato a svolgere servizi di accompagnamento e supporto alla vigilanza del sito.

  • è vietato visitare il sito sommerso senza accompagnatori ed è vietata la libera balneazione all’interno del perimetro del sito archeologico sommerso;
  • è fatto assoluto divieto, durante le immersioni in apnea e con bombole ARA, di toccare, spostare o prelevare i reperti archeologici presenti sul fondale; potranno essere effettuati passaggi attraverso il sito archeologico alla distanza di sicurezza di almeno un metro dal fondale;
  • tutti gli utenti dell’area dovranno essere puntualmente informati di tutto quanto sopra indicato e delle sanzioni previste per furti ai danni del patrimonio archeologico dello Stato, di seguito richiamate:  D. Lgs. 42/2004 e s.m.i., sezione “Sanzioni penali”, art. 176:  Chiunque si impossessa di beni culturali indicati nell’articolo 10 appartenenti allo Stato ai sensi dell’articolo 91 è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da euro 31 a euro 516,50.

Contatta il Comune

Numeri e mail dei servizi comunali

Urp

In ascolto dei cittadini

Consiglio Comunale

Archivio e diretta del Consiglio Comunale Online

CONTRIBUTO DI SBARCO ASINARA

Tariffe, regolamento e modulistica per i vettori

Disinfestazioni e Derattizzazioni

Report degli interventi svolti

Focus Bonifiche

I documenti del Sin di Porto Torres

Qualità dell'acqua

Le comunicazioni della ASL di Sassari sui valori della rete di Abbanoa

Qualità dell'aria

I report sul monitoraggio della qualità dell'aria forniti dall'ARPA

Centrale di Fiume Santo

Monitoraggio, informazioni e documenti sulla centrale di Fiume Santo

Pagare le tasse

Settore Entrate - Ufficio Tributi