Notti di stelle

sabato 20, domenica 21, lunedì 22 e martedì 23 agosto 2016 | spiaggia di Balai

Approda nel suggestivo scenario della spiaggia di Balai di Porto Torres la Prima Edizione del Festival “Notti di Stelle”, evento organizzato dalla Società Cooperativa Sociale SMA con il patrocinio del Comune di Porto Torres e della Fondazione Andrea Parodi.

In questa prima edizione la serata finale sarà dedicata a Andrea Parodi, grande artista turritano scomparso dieci anni fa. Al concerto parteciperanno artisti di fama internazionale che si esibiranno con un proprio brano e un omaggio ad Andrea Parodi.
“Notti di Stelle” è un appuntamento con la musica e con le bellezze del territorio, un Festival che si arricchisce di un fitto programma di attività e visite guidate, organizzate dalla Cooperativa Turris Bisleonis, che è possibile effettuare dal 21 al 23 agosto, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18.
Per l’occasione sarà aperta la suggestiva Chiesetta di Balai, a picco sul mare, situata nell’omonima spiaggia dove sarà realizzato l’evento. Nell’occasione il FAI, Fondo Ambiente Italiano, raccoglierà le firme per poter destinare i fondi al restauro della Chiesa.

PROGRAMMA “NOTTI DI STELLE 2016”

21 AGOSTO
Ore 10:00 Dj Set
Ore 17:00 Holi Color Beach, Festival dei colori dedicato a chi, sporcandosi il piu’ possibile con le polveri colorate, vorrà immergersi nel clima festoso dell’evento
Ore 20:30 Barcolana, le barche illuminate da lanterne e fiaccole partiranno dalla spiaggia dello Scoglio Lungo sino ad approdare nella splendida spiaggia di Balai, dove si aprirà ufficialmente la manifestazione “Notti di Stelle”
Ore 22:30 Dj Live Set

22 AGOSTO
Ore 10:00 Dj Set
ORE 17:00 Dj Set Raggae
Ore 21:30 Tamuna ed Elva Lutza in Concerto
Tamuna - band etno rock siciliana, vincitori Premio della critica del Premio Andrea Parodi 2014.
Elva Lutza – duo sassarese, Vincitori del Premio Andrea Parodi 2011.

23 AGOSTO
Ore 21:30 Concerto per Andrea Parodi, condotto da Carlo Massarini
Andrea Parodi, con la sua “voce” calda ed avvolgente ha fatto conoscere la Sardegna fuori dei confini regionali. Un cantante che non ha mai trascurato l’impatto e l’interazione con il pubblico, un artista eclettico che ha espresso i suoni della propria terra, l’anima i ed i colori del Mediterraneo.

OSPITI:
Andrea Poddighe (Coro degli Angeli)
Cordas et Cannas
Elva Lutza
Eugenio Finardi
Franca Masu
Francesco Demuro
Gigi Marras
Kekko Silvestre e Enrico Zapparoli (Modà)
Marino Derosas
Paolo Fresu
Piero Marras
Rossella Faa
Tamuna
Tazenda

Dal 21 al 23 AGOSTO
“IL VILLAGE”, Area promozionale con degustazioni ed esposizioni di prodotti artigianali.
In questa prima Edizione di “Notti di Stelle” partecipano le attività che operano nel Comune di Porto Torres, sia in onore di Andrea Parodi che per riqualificare l’area dell’incantevole Spiaggia di Balai.
Nel “Village” saranno presenti 30 stand dedicati all’abbigliamento, accessori, gioielli etnici in argento, artigianato, oggettistica e mobili in stile sardo, accessori vintage, oltre alla vasta gamma di prodotti tipici della Sardegna.

VISITE GUIDATE NEI SITI DEL COMUNE DI PORTO TORRES:
La basilica romanica di San Gavino di Porto Torres, dedicata ai martiri locali Gavino, Proto e Gianuario. Agli inizi del XVII secolo vi furono scoperte le reliquie dei tre santi, collocate poi nella cripta appositamente scavata per accoglierle. La prima attestazione della chiesa di San Gavino è nel "Condaghe di San Pietro di Silki" e risale al 1082 circa.
Atrio metropoli ed Atrio Comita, i due piazzali ai lati della basilica, oggetto di recenti scavi archeologici, hanno svelato le fasi insediative nell’area di Monte Angellu precedenti l’edificazione della basilica romanica.
Parco archeologico presso l’Antiquarium Turritano, si estende su un’area di circa 6,5 ettari attigua all’Antiquarium Turritano e comprende una porzione dell’antico centro urbano della colonia di Turris Libisonis, l’antica città portuale romana in cui giungevano merci e persone.
Palazzo di Re Barbaro Terme Centrali, in base ai mosaici e alla tecnica edilizia, sono databili alla fine del III sec. d.C. Il re Barbaro, secondo la tradizione, condannò a morte il martire Gavino. Le Terme Centrali, che si estendono su 2000 mq circa, rappresentano uno dei più grandi stabilimenti balneari della Sardegna romana.
Domus di Orfeo, durante gli scavi di un terrapieno a nord delle Terme Centrali sono emersi i resti di due edifici privati che precedono di circa due secoli la costruzione dell’impianto termale. Si tratta di due sfarzose domus riccamente decorate con intonaci dipinti e almeno sette pavimenti musivi. Tra i più interessanti si può riconoscere un mosaico con Orfeo che suona la lira attorniato da animali.
Terme Maetzke e Domus del Satiro, un vasto quartiere della città che si sviluppa su terrazzamenti artificiali. Si tratta di un impianto termale pubblico che si sovrappone a un quartiere privato del periodo augusteo, in cui sono stati recentemente scoperti alcuni ambienti dalla Domus del Satiro, così chiamata per il rinvenimento di una maschera marmorea utilizzata anticamente come decorazione di una fontana.
Terme e Peristilio Pallottino, quest’area prende il nome dell’archeologo che ha effettuato gli scavi intorno al 1940. Le quattro colonne del Peristilio potrebbero essere legate, secondo una recente ipotesi, alla presenza in quel luogo del Foro della colonia. Le vicine terme, con ambienti absidati, costituiscono invece un altro impianto pubblico che si affacciava anticamente sul mare.
Tombe ad arcosolio del Nautico, Ipogeo e colombario di Tanca Borgona, vasta necropoli in cui restano numerose sepolture databili tra il II e il VII sec. d.C. Dietro l’Istituto Nautico è situato un complesso ipogeico scavato nella parete calcarea e costituito da quattro ambienti con cinquanta sepolture tra sarcofagi e tombe nel pavimento. L’ipogeo di Tanca Borgona, poco distante, ha restituito trentadue inumazioni dello stesso tipo. Nella stessa area si trova uno straordinario e singolare colombario di forma cilindrica, una sepoltura collettiva destinata a conservare le ceneri del defunto in urne di marmo, terracotta o vetro.
Domus de Janas di Su Crucifissu Mannu, necropoli preistorica di “domus de janas”. Si trova su una collina calcarea di circa due ettari e comprende ventidue sepolture ipogeiche. Le tombe furono costruite dalle popolazioni della Cultura di Ozieri durante il Neolitico Recente (4000-3200 a.C.) e riutilizzate fino all’età del Bronzo Antico (2200-1600 a.C.).
Museo Archeologico nazionale Antiquarium Turritano, ospita una raccolta di materiali archeologici che documentano le diverse fasi di vita della colonia Iulia Turris Libisonis. Vi sono esposti numerosi reperti ceramici, mosaici e statue in marmo che rappresentano personaggi di alto rango dell’antica città. Tra i ritrovamenti più significativi: la maschera marmorea di Satiro, utilizzata come decorazione di una fontana ed un altare del 35 d.C. dedicato alla divinità egiziana Bubastis.
Museo del Porto, conosciuto nel passato col nome di “La Piccola”, è un esiguo stabile industriale dei primi anni del Novecento, utilizzato per l’immagazzinamento e la spedizione merci dell’antica ferrovia. Questo spazio è oggi funzionale alla conservazione della memoria locale tramite la raccolta e l’esposizione di immagini, filmati e testimonianze scritte e orali del Novecento.

MAGGIORI INFORMAZIONI

www.balaieventi.it
www.nottidistelle.net
 balaieventi@gmail.com

Pagina facebook | @Notti_di_Stelle

Contatta il Comune

Numeri e mail dei servizi comunali

Urp

In ascolto dei cittadini

Consiglio Comunale

Archivio e diretta del Consiglio Comunale Online

CONTRIBUTO DI SBARCO ASINARA

Tariffe, regolamento e modulistica per i vettori

Disinfestazioni e Derattizzazioni

Report degli interventi svolti

Focus Bonifiche

I documenti del Sin di Porto Torres

Qualità dell'acqua

Le comunicazioni della ASL di Sassari sui valori della rete di Abbanoa

Qualità dell'aria

I report sul monitoraggio della qualità dell'aria forniti dall'ARPA

Pagare le tasse

Settore Entrate - Ufficio Tributi