A Porto Torres la Final Four di Coppa Italia di basket in carrozzina

La competizione si svolgerà al Palasport Alberto Mura venerdì 22 e sabato 23 marzo.

Si è svolta questa mattina, nei locali dell’Ente Parco Nazionale dell’Asinara, la presentazione della XXV Coppa Italia Trofeo Antonio Maglio di basket in carrozzina. La manifestazione, per la cui organizzazione la Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina ha scelto la società GSD Porto Torres, si terrà al Palazzetto dello Sport Alberto Mura di Porto Torres venerdì 23 e sabato 24 marzo. Come noto, si affronteranno le squadre che, al termine del girone di andata della Serie A, occupavano le prime quattro posizioni della classifica (UnipolSai Briantea84 Cantù, S. Stefano Avis, DECO Group Amicacci Giulianova e GSD Key Estate Porto Torres). Venerdì si giocheranno le due semifinali (alle ore 16 Cantù-Porto Torres e alle ore 18 S. Stefano-Giulianova), mentre sabato mattina si disputeranno la finalina per il 3° e 4° posto, con inizio alle ore 9, e la finalissima che assegnerà il trofeo, secondo stagionale dopo la Supercoppa e primo dell’anno solare 2019.

La conferenza svolta in mattinata è stata aperta dall’Ing. Alessandro Pantaleo, in rappresentanza dell’Ente Parco Nazionale dell’Asinara: “Ringraziamo il GSD Porto Torres per l’onore riservatoci nel voler presentare qui la manifestazione. Grazie di cuore per averci scelto e in bocca al lupo per la competizione. Siamo ansiosi e felici di vivere col GSD questo evento. Stiamo collaborando, abbiamo avviato insieme un bel progetto e sono certo che arriveremo ai nostri obiettivi”.

Ha preso, successivamente, la parola l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Turismo, Cultura, Spettacolo e Sport del Comune di Porto Torres, Mara Rassu: “Ringraziamo anche noi la società del presidente Falchi e facciamo un grande in bocca al lupo alla squadra. Sarò presente a tutte le partite per tifare il nostro team. Siamo felici, come amministrazione, di ospitare un evento di questa portata e dobbiamo riconoscere che, questi eventi, sono frutto della grande passione della società del GSD Porto Torres, nel portare avanti azioni e attività durante tutto l’anno. E’ un grande contributo alla città, perché il turismo e la città si promuovono anche attraverso lo sport”.

E’ stata poi la volta del presidente del GSD, Bruno Falchi: “Ringrazio l’Assessore per le belle parole dette nei nostri confronti e l’Ente Parco che ci ospita qui oggi. Un altro grande ringraziamento va alla Fipic, al presidente Fernando Zappile, al consiglio federale e tutti i consiglieri, Alessia Ferri, ed a tutte le squadre che hanno dato il consenso a svolgere la manifestazione a Porto Torres, perché come è un problema per noi andare a giocare fuori, lo è anche per loro venire qui. Detto questo, la Coppa Italia è uno dei trofei più importanti, direi il secondo dopo lo Scudetto, del nostro campionato e quest’anno le finali si svolgeranno per la prima volta in Sardegna. Per noi questo è un grande onore. Siamo ovviamente molto in tensione, in questi giorni, perché abbiamo grandi responsabilità, sia dal punto di vista organizzativo che come squadra, da quello sportivo. Ma per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, è vero che, una volta che si scende in campo, poi non si pensa più a niente e si gioca. Siamo contenti di giocare davanti ai nostri tifosi e di provare a vincere la coppa con loro. Noi partiamo sempre con un profilo basso, avendo possibilità limitate dalla grande difficoltà nel reperire sponsors che possano sostenerci. Il nostro principale sponsor è la Regione Sardegna, con i suoi contributi, insieme al nostro grande lavoro. Per questo, il primo obiettivo è sempre la permanenza in Serie A, poi cerchiamo sempre di vincere ogni volta che scendiamo in campo e di dare il meglio di noi stessi. Quest’anno lo abbiamo fatto, siamo arrivati qui e abbiamo centrato la partecipazione ai playoff con due giornate di anticipo rispetto dalla fine delle regular season. Quindi siamo contenti”

Proprio le grandi difficoltà che il GSD affronta giorno dopo giorno per mantenere in vita la propria attività, a volte fanno pensare se “ne valga la pena”: “Ce lo chiediamo tutti i giorni; a volte, guardando difficoltà e ostacoli, viene voglia di mollare tutto e stare a casa, con la propria famiglia ed i propri impegni – ha detto il vice-presidente biancoblù, Luca Puggioni – Ma andiamo avanti perché abbiamo una grande passione, tanta voglia di continuare a giocare e continuare ad esserci”. 

E la chiusura del campione polacco della Key Estate, Mateusz Filipski, ha reso perfettamente l’idea di cosa sorregga tutto: “Quando ami qualcosa, la via del cuore è l’unica via possibile e la più giusta”.

CS 24/GSD

Porto Torres, 20/03/2019

Contatta il Comune

Numeri e mail dei servizi comunali

Urp

In ascolto dei cittadini

Consiglio Comunale

Archivio e diretta del Consiglio Comunale Online

CONTRIBUTO DI SBARCO ASINARA

Tariffe, regolamento e modulistica per i vettori

Disinfestazioni e Derattizzazioni

Report degli interventi svolti

Focus Bonifiche

I documenti del Sin di Porto Torres

Qualità dell'acqua

Le comunicazioni della ASL di Sassari sui valori della rete di Abbanoa

Qualità dell'aria

I report sul monitoraggio della qualità dell'aria forniti dall'ARPA

Pagare le tasse

Settore Entrate - Ufficio Tributi