Chioschi a chilometro zero sull'isola dell'Asinara

Nel nuovo bando previsto un punteggio maggiore per chi deciderà di vendere prodotti agricoli locali nei punti di ristoro.

Salumi e formaggi delle aziende agricole locali in vendita nei chioschi dell’isola-parco. Nell’idea del Comune i punti di ristoro di Fornelli e a Campu Perdu dovranno diventare a chilometro zero. Il bando per l’assegnazione di aree per la somministrazione di alimenti e bevande è stato pubblicato nell’Albo Pretorio e le domande per partecipare saranno accolte fino all’otto maggio.

Il provvedimento prevede l’attribuzione di un punteggio maggiore ai partecipanti che dichiareranno di aderire al progetto “Sapori a km zero” promosso dalla Conservatoria delle Coste nell’ambito del progetto Camp (Coastal Area Management Programme). «Ci auguriamo che i chioschi possano diventare una sorta di vetrina delle produzioni locali – sottolinea il sindaco Beniamino Scarpa – e credo che questa comunione tra i sapori della nostra terra e la risorsa naturalistica dell’isola-parco sarà ben gradita dai turisti». Le aree per la realizzazione di chioschi di somministrazione alimenti e bevande verranno assegnate secondo una graduatoria redatta in base al possesso dei titoli (massimo 20 punti), ma ulteriori punteggi (massimo 80 punti) saranno attribuiti in presenza di alcuni requisiti, come l’iscrizione nelle liste dei Centri per l’impiego, i carichi familiari, l’inserimento lavorativo di giovani disoccupati locali, la valutazione del progetto in relazione agli spazi e all’armonia con il contesto del Parco, i servizi offerti in collaborazione con gli altri operatori che svolgono attività all’Asinara. La concessione avrà una durata di quattro anni, con possibilità di rinnovo per una sola volta.

«È un progetto che è in linea con lo spirito del Parco Nazionale – afferma l’assessore alle Politiche per l’Asinara, Francesco Porcu  – perché stiamo chiedendo ai partecipanti di impegnarsi a vendere formaggi, pane, salumi e altri prodotti della terra acquistati da agricoltori e allevatori locali, cioè a chilometro zero. Abbiamo imposto regole certe e procedure trasparenti. Ci auguriamo che i cittadini di Porto Torres rispondano positivamente a questa iniziativa». I chioschi dovranno occupare una superficie non inferiore a 20 metri quadri e non superiore a 35. L’area di pertinenza non dovrà estendersi oltre i 50 metri quadri. Le domande di partecipazione dovranno essere consegnate, in un unico plico, all’Ufficio Protocollo del Comune o inviate tramite posta certificata all’indirizzo comune@pec.comune.porto-torres.ss.it entro le ore 13 del giorno 8 maggio. Il bando, le planimetrie e la modulistica sono disponibili nella home page del sito web del Comune, nella sezione “Bandi e concorsi”.

Porto Torres, 19/04/2012

Contatta il Comune

Numeri e mail dei servizi comunali

Urp

In ascolto dei cittadini

Consiglio Comunale

Archivio e diretta del Consiglio Comunale Online

CONTRIBUTO DI SBARCO ASINARA

Tariffe, regolamento e modulistica per i vettori

Disinfestazioni e Derattizzazioni

Report degli interventi svolti

Focus Bonifiche

I documenti del Sin di Porto Torres

Qualità dell'acqua

Le comunicazioni della ASL di Sassari sui valori della rete di Abbanoa

Qualità dell'aria

I report sul monitoraggio della qualità dell'aria forniti dall'ARPA

Centrale di Fiume Santo

Monitoraggio, informazioni e documenti sulla centrale di Fiume Santo

Pagare le tasse

Settore Entrate - Ufficio Tributi