Nuovo look per i marciapiedi del Corso: approvato il progetto

Prevista anche la realizzazione di un sistema agevolato per non vedenti e la posa di un cavidotto per le postazioni dei concessionari di spazi pubblici.

Un nuovo look, un sistema agevolato per i non vedenti e uno strumento per fornire alimentazione elettrica ai concessionari di spazio pubblico in occasione di manifestazioni e feste. Sono gli aspetti principali del progetto di ristrutturazione dei marciapiedi del Corso Vittorio Emanuele, approvato dalla Giunta comunale.

La vecchia e obsoleta pavimentazione risale ai primi anni Settanta. Le mattonelle verranno sostituite con materiale in granito sardo di colore grigio con finitura granigliata nel tratto compreso tra piazza Umberto I e l’intersezione con via Sassari su entrambi i lati, e da quest’ultima fino all’intersezione con via Arborea solo sul lato destro. «L’intervento – afferma il sindaco Beniamino Scarpa – ci consentirà di ridare decoro a un tratto importante del nostro Corso attraverso un lavoro armonico, simile a quello effettuato in altre vie e spazi del Centro. Sarà un intervento che ci permetterà di proseguire il nostro progetto di abbattimento delle barriere architettoniche. Qualche mese fa abbiamo eliminato definitivamente i vecchi pali che ostruivano il passaggio delle persone con mobilità ridotta. Ora costruiremo anche un percorso di orientamento che agevolerà i non vedenti».

Il piano introduce per la prima volta in città il Sistema Loges (Linea di orientamento, guida e sicurezza), costituito da superfici dotate di rilievi studiati appositamente per essere percepiti sotto i piedi, ma anche visivamente contrastate, da installare sul piano di calpestio per consentire a non vedenti e ipovedenti l’orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo. «Un’altra innovazione che abbiamo voluto introdurre in questo progetto – aggiunge l’assessore alle Manutenzioni, Gavino Gaspa – riguarda la canalizzazione elettrica, con la posa di un cavidotto che potrà essere utilizzato come linea di alimentazione per colonnine al servizio di strutture provvisorie per manifestazioni pubbliche o feste. Potremo così evitare che i titolari di bancarelle o chioschi utilizzino gruppi elettrogeni o altri sistemi di alimentazione che rappresentano fonti di inquinamento anche acustico. L’aspetto da sottolineare, inoltre, è relativo alla progettazione, che ci permette di dare indicazioni chiare per il futuro: gli interventi di questo tipo, infatti, dovranno sempre tenere conto sia dei sottoservizi che del sistema Loges». Le opere saranno realizzate dal Comune di Porto Torres attraverso la società Geosar.

Porto Torres, 01/03/2014

Contatta il Comune

Numeri e mail dei servizi comunali

Urp

In ascolto dei cittadini

Consiglio Comunale

Archivio e diretta del Consiglio Comunale Online

CONTRIBUTO DI SBARCO ASINARA

Tariffe, regolamento e modulistica per i vettori

Disinfestazioni e Derattizzazioni

Report degli interventi svolti

Focus Bonifiche

I documenti del Sin di Porto Torres

Qualità dell'acqua

Le comunicazioni della ASL di Sassari sui valori della rete di Abbanoa

Qualità dell'aria

I report sul monitoraggio della qualità dell'aria forniti dall'ARPA

Centrale di Fiume Santo

Monitoraggio, informazioni e documenti sulla centrale di Fiume Santo

Pagare le tasse

Settore Entrate - Ufficio Tributi