Progetto Optimed: Porto Torres hub portuale del Mediterraneo

Tavolo di confronto tra Regione, Comune, Cip di Sassari, Capitaneria di porto e Autorità portuale Nord Sardegna.

Trasformare Porto Torres in un hub portuale al servizio degli scali della Spagna, della Francia e del resto d’Italia, costruendo contestualmente un asse ideale nel Mediterraneo con il porto di Beirut, futuro hub del Nord Africa. Sono gli obiettivi del progetto Optimed, finanziato dal Programma europeo di cooperazione transfrontaliera Enpi CbcMed. Ieri, nella sede turritana del Consorzio industriale provinciale, l’amministrazione comunale e gli altri enti coinvolti si sono confrontati con la Direzione Generale dell’Assessorato ai Trasporti, partner capofila del progetto.

Al tavolo erano presenti il Sindaco Sean Wheeler, il presidente del Cip, Pasquale Taula, il Commissario straordinario dell’Autorità Portuale del Nord Sardegna, Pietro Preziosi, il comandante della Capitaneria di porto, Paolo Bianca, il Direttore Generale dell’Assessorato regionale dei Trasporti, Gabriella Massidda, e il Direttore del Servizio Demanio della Regione, Giuseppe Deligia. Un confronto durante cui è stata ribadita la centralità dello scalo di Porto Torres, già oggi meta di traffici internazionali e possibile nuovo punto di riferimento per le attività di transhipment in appoggio ai quindici porti che si snodano tra la Spagna e il sud Italia, da Valencia a Salerno, passando per Tolone e Livorno. Il progetto Optimed prevede la costruzione di una rete di trasporto che farà riferimento sia allo scalo turritano che a quello di Beirut, con frequenze pianificate, regolari e affidabili, tempi di consegna e costi più competitivi, percorrenze via terra ridotte e incremento della sostenibilità ambientale.

Si punta, attraverso la progettazione preliminare, alla riorganizzazione delle aree e delle strutture portuali con l’obiettivo di migliorare le prestazioni come hub Ro-Ro nella rete del trasporto merci. Ad esso si affiancherà una piattaforma logistica virtuale per supportare la nuova rete commerciale con cui gli operatori potranno pianificare le spedizioni, valutando al meglio opzioni di trasporto, diversi itinerari, date di partenza, tempi di percorrenza, frequenze di servizio, costi di trasporto. Si potranno erogare servizi di prenotazione online, itinerari di costo minimo, stime dei ritardi dei tempi di consegna in funzione della variazione della domanda e delle condizioni meteo marine. Alla base del progetto Optimed c’è la volontà di incrementare la cooperazione e migliorare le infrastrutture dedicate al traffico delle merci nel Mediterraneo.

I rappresentanti di tutti gli enti riuniti ieri attorno al tavolo hanno auspicato il potenziamento di Porto Torres, scalo strategico che attraverso la riorganizzazione razionale degli spazi può fornire maggiori servizi sia alle attività produttive che ai passeggeri e ai turisti, cogliendo una grande opportunità: contribuire al miglioramento delle relazioni e degli scambi commerciali tra gli operatori pubblici e privati di Libano, Italia, Spagna e Francia, ottimizzare la rete dei trasporti, diminuire il traffico su gomma e definire infrastrutture che possono aumentare la competitività dei porti.

Porto Torres, 26/11/2015

Contatta il Comune

Numeri e mail dei servizi comunali

Urp

In ascolto dei cittadini

Consiglio Comunale

Archivio e diretta del Consiglio Comunale Online

CONTRIBUTO DI SBARCO ASINARA

Tariffe, regolamento e modulistica per i vettori

Disinfestazioni e Derattizzazioni

Report degli interventi svolti

Focus Bonifiche

I documenti del Sin di Porto Torres

Qualità dell'acqua

Le comunicazioni della ASL di Sassari sui valori della rete di Abbanoa

Qualità dell'aria

I report sul monitoraggio della qualità dell'aria forniti dall'ARPA

Centrale di Fiume Santo

Monitoraggio, informazioni e documenti sulla centrale di Fiume Santo

Pagare le tasse

Settore Entrate - Ufficio Tributi