Autocertificazione

Il cittadino può comprovare determinati fatti, stati o qualità personali attraverso dichiarazioni rese alla Pubblica Amministrazione

Cos'è

Il cittadino puo comprovare determinati fatti, stati o qualità personali attraverso dichiarazioni rese alla Pubblica Amministrazione e a chi fornisce pubblici servizi, in sostituzione delle normali certificazioni; queste hanno una durata pari a quella del certificato che vanno a sostituire.

Il cittadino è responsabile di quanto dichiarato in autocertificazione. Le amministrazioni effettuano gli opportuni controlli sulla loro veridicità; le eventuali dichiarazioni false o mendaci comportano la denuncia all'Autorità giudiziaria e la decadenza dai benefici ottenuti.

Tramite autocertificazione il cittadino può dichiarare, tra l'altro, i seguenti dati anagrafici:

  • data e luogo di nascita
  • residenza
  • cittadinanza
  • godimento diritti civili e politici
  • stato civile
  • esistenza in vita
  • stato di famiglia
  • titolo di studio
  • qualifica professionale
  • esami sostenuti
  • titoli di specializzazione, abilitazione, aggiornamento, qualifica tecnica e formazione.

Tramite l'autocertificazione si possono dichiarare anche altri dati quali quelli inerenti la propria situazione reddituale, economica e fiscale (reddito, possesso e numero di codice fiscale/partita IVA, qualità di vivenza a carico), posizione giuridica (qualità di legale rappresentante, tutore, curatore, assenza condanne panelai, assenza misure di prevenzione, assenza di stato di fallimento o liquidazione) ed altri dati ancora quali l'appartenenza ad un ordine professionale, iscrizione in albi o elenchi tenuti dalle PP.AA., posizione agli effetti degli obblighi militari, qualità di studente o di casalinga.

Non possono essere oggetto di autocertificazione, ai sensi del DPR 445/2000:

  • certificati sanitari e medici
  • certificati veterinari
  • certificati di origine
  • certificati di conformità CE
  • certificati marchi e brevetti

In ogni caso l'autocertificazione NON deve essere sottoposta ad autentica di firma.

A chi si rivolge

L'autocertificazione può essere utilizzata da:

  • tutti i cittadini italiani
  • tutti i cittadini dell'Unione Europea con le stesse modalità dei cittadini italiani
  • tutti i cittadini di Paesi extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia, limitatamente agli stati, fatti e qualità personali certificabili o attestabili in Italia da parte di soggetti pubblici italiani.
  • persone giuridiche e società di persone, pubbliche amministrazioni, enti, associazioni e comitati con sede legale in Italia o in un Paese dell'Unione Europea

L'autocertificazione DEVE essere accettata da:

  • Pubbliche Amministrazioni
  • Gestori dei servizi pubblici

La mancata accettazione dell'autocertificazione da parte dei Pubblici Uffici rappresenta una violazione dei doveri d'ufficio.

Non sono tenuti ad accettare le autocertificazioni:

  • banche
  • assicurazioni
  • tribunali

Uffici

Area di riferimento

Caricamento...

Luoghi

Nessun risultato trovato

Caricamento...

Bandi

Nessun risultato trovato

Caricamento...

Ordinanze

Nessun risultato trovato

Caricamento...

Modulistica

Nessun risultato trovato

Caricamento...

Regolamenti

Nessun risultato trovato

Ulteriori informazioni

I modelli di Autocertificazione, sono reperibili su internet.

Ultimo aggiornamento

01/06/2022, 15:41